Informazioni Generali

Avvisi

Avvisi Passati

Contatti

Prof. Fabio Pellacini
email: pellacini-chiocciola-di-punto-uniroma1-punto-it

ricevimento per appuntamento

Esercitatore: Marilena de Marsico
email: demarsico-chiocciola-di-punto-uniroma1-punto-it

ricevimento per appuntamento

Prerequisiti e propedeuticità

È richiesta un'adeguata preparazione iniziale relativa alle materie presenti nei programmi della scuola secondaria superiore, con particolare riguardo all’italiano e alla matematica. Una discreta conoscenza dell’inglese è di grande aiuto.

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova scritta ed una prova orale facoltativa. È prevista una prova scritta intermedia (a novembre) che riguarda solamente gli argomenti svolti nella prima parte del corso. Negli appelli della sessione invernale (gennaio-febbraio) la prova scritta è divisa in due parti. La prima parte riguarda gli stessi argomenti della prova intermedia e la seconda parte riguarda gli argomenti del corso svolti dopo la prova intermedia. In ognuno di questi appelli si può scegliere se sostenere solo una delle due parti o entrambe. Quindi chi ha superato la prova intermedia può completare la prova scritta sostenendo solamente lo scritto relativo alla seconda parte. Ma anche chi non ha superato la prova intermedia oppure intende migliorarne il voto, ha la facoltà di sostenere, in ognuno di questi appelli, una sola delle due parti (o la prima o la seconda). Però, se alla fine della sessione invernale si è superata una sola delle due parti allora il relativo voto è perso perché nelle successive sessioni la prova scritta non è più divisa in due parti. Se si desidera tentare di migliorare il voto della prova scritta è possibile sostenere la prova orale. In quest'ultimo caso, se si rifiuta il voto determinato dalle due prove (scritta e orale) si dovrà risostenere la prova scritta.

Informazioni e Consigli

Imparare a programmare è molto simile ad imparare a parlare una nuova lingua. Si può riuscire solamente se ci si esercita adeguatamente nella pratica. Nel caso della programmazione questo significa scrivere tanti programmi e poi provarli, cioè, compilarli, correggere gli eventuali errori, ricompilarli, controllarne il comportamento, ecc. Ciò è estremamente importante per acquisire la dovuta dimistichezza con i costrutti del linguaggio di programmazione e l'ambiente di sviluppo (compilatore e/o IDE). Si consiglia caldamente di fare tutti gli esercizi proposti durante le lezioni e di frequentare il laboratorio. Frequentare il laboratorio è utilissimo ed è quasi indispensabile per chi non ha già una buona esperienza con la programmazione. Nel laboratorio sarete assistiti e seguiti nello svolgimento degli esercizi.

Dopo aver acquisito una buona familiarità con il linguaggio rimangono ancora da acquisire le tecniche e il modus operandi per poter usare al meglio il linguaggio nella risoluzione di problemi più o meno complessi. Per fare ciò è necessario assimilare una vera e propria disciplina di programmazione che richiede concentrazione, riflessione e capacità di analisi e sintesi. A ben vedere, l'apprendimento di questa disciplina non ha mai termine. È sempre possibile migliorare le proprie capacità in tal senso.

La prova scritta consiste di un insieme di esercizi. Gli esercizi, proposti durante il corso, preparano anche alla prova scritta. Nella prova scritta è estremamente importante che le soluzioni siano scritte in modo chiaramente leggibile ed esauriente. Se una soluzione non è sufficientemente ben scritta non sarà presa in considerazione. Scrivere il programma in modo chiaro ed ordinato è sopratutto importante per chi lo ha scritto perché così, rileggendolo, avrà maggiori possibilità di scoprire eventuali errori. Scoprire certi tipi di errori non è affatto facile, se in più il programma è mal scritto diventa quasi impossibile.

Durante la prova scritta è possibile consultare libri, appunti, ecc, ma non è consentito l'uso di computer di qualsiasi genere. Questa modalità di esame in cui si chiede, sostanzialmente, di programmare senza computer può apparire bizzarra. Invece permette di valutare la capacità di programmare procedendo nel modo più vantaggioso: prima pensare e poi programmare. Infatti, vi è una quasi irresistibile tentazione a fare l'opposto, cioè, prima programmare e poi pensare. Cedere a tale tentazione è l'errore più nefasto che un programmatore possa commettere. Perchè innalza notevolmente la probabilità di scrivere programmi che si credono corretti e che invece non lo sono.

Laboratorio

Il laboratorio AST si trova in via Tiburtina 205. Entrando nell'edificio, la prima porta sulla destra. Si consiglia caldamente di fare tutti gli esercizi proposti durante le lezioni e di frequentare il laboratorio. Frequentare il laboratorio è utilissimo ed è quasi indispensabile per chi non ha già una buona esperienza con la programmazione. Nel laboratorio sarete assistiti e seguiti nello svolgimento degli esercizi. Il sito del laboratorio, con gli esercizi svolti e/o proposti, è disponibile su questo sito.

Testi consigliati

Testi di approfondimento